BMW i8 racing per i piloti del futuro

La BMW i8 disegnata per solcare le piste da corsa di tutto il mondo, un design accattivante e potente.

0
1527

Immaginate una BMW i8 racing da affidare ai piloti del futuro? Riuscite a vederla sfrecciare tra i cordoli delle piste tra le altre vetture, correre e magari tagliare il traguardo? Lo ha fatto per voi l’artista digitale Jon Sibal che ha disegnato per gli appassionati un modello ancora più sportivo e agguerrito, un innovatissimo gioiello da corsa ultratecnologico capace di far sognare i piloti di tutto il mondo.

Il modello che vedete nell’immagine di copertina è basato sulla BMWi8, figura modificata e resa decisamente più accattivante e potente, con una sua personalità decisa e forte. Dalla fotografia si evidenziano i nuovi elementi che la fanno apparire con un muso allungato, schiacciato, una sensazione che la pervade per tutto l’intero design.

Il modello di base è già un esemplare sportivo, la mano attenta e fantasiosa del designer digitale ha apportato altre possibili varianti estetiche, che la mostrano come una freccia nera, una vera esplosione di energia allo stato puro. Un modello che sfreccia grazie ai suoi cilindri e al motore che il marchio tedesco gli ha fornito.

BMW i8 base

Il modello base sul quale il disegnatore Sibal si è divertito ha un motore a 3 cilindri da 1,5 litri, il propulsore è un Twin Power Turbo il cui compito è garantire alla vettura i suoi stimati 230 cavalli – 170 kw , potenza da sommare ai 131 cavali dell’unità elettrica posta sull’asse anteriore del mezzo. I valori sopra descritti rendono la BMW i8 una vettura potente, superba, capace di raggiungere i 100 kw in soli 4,4 secondi, senza tuttavia apportare un importante dispendio di carburante, parliamo di 2,5 litri per 100 chilometri.

BMW i8 rancing design

Ammirando la struttura fisica dell’immagine presente sul profilo facebook del disegnatore, si notano i laterali elaborati, gli alettoni siti nella parte inferiore donano un aspetto selvaggio, ma pur sempre aggraziato, come un puma capace di sfrecciare senza perdere mai la sua grazia ed eleganza. La parte frontale sembra avere un aspetto minaccioso, gli stessi fari sembrano disegnare un ghigno surreale e intimidatorio, nel complesso ha un aspetto anteriore muscoloso e pronto a dare battaglia sulle strade dei circuiti di tutto il mondo.

Il tutto si sposa amabilmente con i fianchi robusti e massicci, che avvolgono in un tenero abbraccio la struttura originaria della vettura. Il materiale si pensa sia in fibra di carbonio, appare come unica scelta possibile per dare robustezza al mezzo e contemporaneamente protezione e garanzia di sicurezza.

Da notare l’ala posteriore che spunta fuori dal veicolo, serve per dare una marcatura maggiore alla sua potenza e per fare la differenza durante l’esecuzione della sua prestazione.

La BMW i8 racing potrebbe essere il veicolo del futuro, quello che ogni pilota sogna di guidare sulle piste più veloci e pericolose al mondo, da vivere e ammirare.